Vivi la Valdichiana a tavola con i produttori
La bottega online di prodotti tipici della Valdichiana
Pici valdichiana senese

Il pranzo della domenica: menù e tradizioni della Valdichiana Senese

Un rituale antico e da veri ghiotti. Ecco come riviverlo a casa vostra secondo la tradizione

La tavola imbandita, il profumo di ragù che inonda la casa già dalle prime ore del mattino, l’incontro con la famiglia. La domenica si svolge uno dei rituali preferiti dagli italiani, il pranzo della domenica, dal nord al sud il menù varia ma la filosofia è la stessa: incontrarsi a tavola alle 13 e condividere le migliori ricette della tradizione.

Il menù

In Valdichiana Senese questo rito ha le sue regole e i suoi piatti tradizionali, con variazioni stagionali si intende, ma con dei capisaldi imprescindibili che raramente vengono abbandonati, vediamoli nel dettaglio:

  1. Il crostino di milza. Il “crostino nero” è un paté che nella versione senese viene realizzato con fegatini di pollo o di coniglio oppure con milza di cinta senese o ancora di carne chianina. Le varianti sono tante quante i campanili della provincia di Siena e ogni famiglia è giustamente legata alla propria ricetta, unica e irripetibile. Questa crema dal sapore forte e deciso si adagia su crostini di pane sciapo ed è il pezzo forte del classico antipasto toscano.  
  2. I salumi e i formaggi. In Valdichiana Senese i salumi sono di cinta senese e il formaggio è il Pecorino di Pienza, fresco semi-stagionato o stagionato, possibilmente accompagnato da golose confetture. Tra i salumi che non possono mancare a tavola la domenica: il lardo, il prosciutto, il lombo e la finocchiona.
  3. I pici con il ragù. La tradizione vuole che il ragù sia realizzato con carne chianina locale e che la cottura sia lenta, di almeno due ore. I pici, fatti a mano o a macchina, di grano tenero o di grani antichi, sono la pasta che meglio si accompagna al sapore deciso del ragù toscano. Un grande classico amato da grandi e piccini.
  4. L’arrosto di carne. Chianina, suino o cinta senese, cotta alla brace o al forno, la carne si accompagna con contorni di stagione offerti dall’orto: asparagi, carciofi, patate, insalata, fiori di zucca
  5. I cantucci con il Vin Santo. Sul dolce potremmo disquisire a lungo, tra i golosi che non rinunciano ad un vassoio di pasticceria fresca e chi vuole finire il pasto in bellezza con i dolci delle feste (dal panforte al pandoro, solo per citarne alcuni), ma in Valdichiana Senese un pasto non è concluso se non si mette a tavola una bottiglia di Vin Santo con i cantucci. Il Vin Santo è rigorosamente locale, perché questo liquore è storicamente prodotto a livello familiare, con una ricetta unica che lo rende più dolce degli altri Vin Santo toscani.
  6. Il vino rosso. Il pasto deve essere rigorosamente accompagnato da un buon vino locale: Vino Nobile di Montepulciano DOCG, Chianti colli senesi DOCG o Orcia DOC.  

Riunirsi a tavola

Il menù si ripete da generazioni con una costante: la qualità e la stagionalità dei prodotti, buoni e locali. Un rito a dir poco irrinunciabile, un’occasione per ritrovarsi in famiglia, dai nonni ai nipoti, e anche con gli amici, perché si sa che in Toscana l’ospite è sempre il benvenuto soprattutto a tavola.

E di cosa parleranno i nostri commensali?

Di cibo ovviamente! Non mancheranno i giudizi sulla cottura della carne e sul sale della pasta, così come i commenti al vino e al Vin Santo e di sicuro tutti si troveranno d’accordo sulla bontà del ragù della nonna, buono come sempre! Al susseguirsi delle domeniche sul calendario susseguono anche gli assaggi dei prodotti tipici stagionali: questo è il giorno giusto per assaggiare l’olio novo in autunno, giudicare la maturazione delle ciliegie in primavera, condividere il Pan co’ santi a novembre. Non sapete cos’è il Pan co’ Santi? Allora dovete proprio continuare a seguirci.

Per rivivere questa atmosfera a casa tua guarda la food BOX  Pranzo della Domenica, l’abbiamo preparata pensando ai nostri migliori pranzi domenicali.

Maria

Maria

Nata a Caserta e cresciuta in Umbria, ha studiato a Siena, Leeds e Dublino per laurearsi in Comunicazione. Vive a Montepulciano per scelta e per amore... del buon vivere, dell'Italia e della Valdichiana Senese. Cura i rapporti con i produttori di Valdichiana Eating e racconta i loro aneddoti nell'Almanacco.